Quali sono i diversi tipi di disturbi psicosomatici?

I disturbi psicosomatici sono le condizioni in cui gli stress e i problemi mentali creano o contribuiscono a sintomi fisici non associati a una particolare malattia fisiologica. Mentre quasi tutti i sintomi fisici possono essere psicosomatici in natura, i disturbi psicosomatici più comuni sono il disturbo del dolore, l’ipocondria, il disturbo di somatizzazione e il disturbo della conversione. Inoltre, le tensioni mentali possono causare o peggiorare i sintomi fisici, come emicranie, mal di testa, disfunzioni sessuali, ipertensione e problemi gastrointestinali.

Uno dei disturbi psicosomatici più comuni è il disturbo del dolore o il dolore psicogenico, che si riferisce al dolore fisico ovunque nel corpo si senta a causa della connessione tra il corpo e la mente. Persone che sono sottoposte ad una grande quantità di stress psicologico o che soffrono di un problema psicologico temporaneo o cronico possono provare dolore senza apparente causa fisica. Il dolore è spesso descritto come grave o insopportabile. In alcuni casi, il dolore cronico che ha una causa fisica può essere peggiorato da uno stress emotivo causato dall’attesa del dolore del paziente.

L’ipocondria è un altro disturbo psicosomatico relativamente comune che colpisce tipicamente le persone durante l’età adulta. I pazienti che soffrono di ipochondriasi ritengono di avere un grave disturbo fisico o vivono nella paura di gravi problemi fisici. Ad esempio, una persona con ipocondria può credere di avere il cancro allo stomaco semplicemente provocando gonfiori o sentire il rumore dello stomaco. Il trattamento per il disordine di solito comporta la terapia cognitivo-comportamentale e talvolta antidepressivi a prescrizione.

Le persone che attraversano un periodo emotivamente difficile o che soffrono di un disturbo mentale o di un problema, come l’ansia o la depressione, possono avere sintomi fisici in combinazione con sintomi emotivi e mentali. I comuni reclami psicosomatici includono nausea, crampi, diarrea, mal di testa, disfunzione erettile, perdita di libido e dolori al petto. I pazienti che sperimentano questi sintomi su base cronica per diversi anni sono spesso diagnosticati con disordini di somatizzazione. La consulenza e il trattamento delle condizioni mentali sottostanti possono contribuire a ridurre i sintomi fisici.

Il disturbo di conversione è caratterizzato da sintomi neurologici che si presentano dopo un evento traumatico o stressante e non hanno alcuna causa fisica. La condizione può causare paralisi psicosomatica di un arto, perdita di uno dei sensi o sequestri. Pazienti diagnosticati con questo disturbo hanno solitamente brevi episodi durante i quali soffrono dei sintomi, anche se alcuni hanno problemi in corso.

I pazienti che presentano sintomi continui dovrebbero sempre cercare un trattamento medico o psichiatrico per escludere qualsiasi disturbo fisico potenzialmente pericoloso. Lo stress psicologico può esacerbare alcuni problemi fisici, come l’alta pressione sanguigna, l’eczema e le ulcere. Le persone che si lamentano di sintomi fisici da disturbi psicosomatici non stanno facendo fingendo o cercando di ottenere l’attenzione e stanno vivendo un dolore reale o altri sintomi che possono essere trattati con una corretta diagnosi e cura. Anche se i sintomi sono veramente psicosomatici, un medico o un medico di salute mentale può raccomandare il trattamento per alleviare i sintomi fisici e ridurre al minimo gli stress mentali e emotivi che contribuiscono al problema.